Finalisti italiani ai Global Awards

 

ARCò, Architettura e Cooperazione, finalisti italiani dei Global Holcim Awards presentano il loro progetto al Politecnico di Milano


 

Progetto finalista dei Global Holcim Awards “Rinnovamento sostenibile di una scuola primaria nel campo beduino Wadi Abu Hindi, Territori Occupati Palestinesi” presentato e premiato al Politecnico di Milano

Un altro ringraziamento agli architetti che hanno portato l’Italia sul podio degli Holcim Awards for Sustainable Construction.

Il 26 novembre 2012, il Dott. Piero Corpina, Amministratore Delegato di Holcim (Italia) S.p.A. ha premiato lo studio ARCò Architettura e cooperazione, già vincitore dell'argento regionale Africa Middle East nel 2011, come finalista dei Global Holcim Awards 2012.

Il Prof. Emilio Pizzi, Preside della Scuola di Ingegneria Edile - Architettura del Politecnico di Milano, con la quale Holcim collabora con la sponsorizzazione di una cattedra sui temi della sostenibilità, ha ospitato e dato il saluto di benvenuto.

Presenti in rappresentanza del gruppo ARCò Arch. Alessio Battistella, Arch. Luca Trabattoni, Arch. Valerio Marazzi e Ing. Diego Torriani. Il progetto vincitore consiste nel rinnovamento sostenibile di una scuola primaria nel campo beduino Wadi Abu Hindi, vicino Al Azarije”nei Territori Occupati Palestinesi ed è stato presentato nelle sue caratteristiche, nella sua nascita e nella sua evoluzione, ma soprattutto nella sua valenza sociale.

Alessio Battistella dello studio ARCò team ha spiegato, le difficoltà e lo sviluppo del progetto, “facendo emergere la complessità e i vincoli trovati prima ancora di fare architettura”.

Manuela Macchi,Head of Corporate Social Responsibility e Holcim Awards Coordinator per l'Italia, ha illustrato le origini degli Holcim Awards, la crescita in qualità e in quantità durante i 3 cicli, focalizzando l'attenzione sui criteri che definiscono l' edilizia sostenibile secondo Holcim Foundation e sul terzo ciclo, durante il quale il progetto degli ARCò è emerso.

Un progetto che identifica il concetto che ARCò ha dell’architettura: “la risoluzione di problemi contingenti attraverso un’ interpretazione estetica, e quindi sensibile, della realtà”.

La sfida vinta da questo progetto è lo sviluppo in un'area di forti tensioni politicheoltre a risolvere problematiche locali e climatiche.La scuola primaria della comunità beduina di Abu Hindi e a 5 km a sud est di Al Azarije (Eizariya) e meno di 10 km a est di Gerusalemme.  Il progetto, realizzato in soli due mesi, garantisce condizioni climatiche confortevoli e sostenibilità energetica grazie all'ottimizzazione della ventilazione naturale e all'isolamento termico, in modo che gli scolari vivano positivamente la loro quotidianità scolastica. Le tecniche usate in altre parti del mondo per la produzione dei tradizionali mattoni di fango sono adattate in modo innovativo dagli artigiani locali, per assicurare un equilibrio climatico e per creare moduli costruttivi di facile realizzazione. La giuria ha apprezzato l'approccio di rinnovare una struttura ormai inadeguata e di trasformarla in un edificio dedicato all’ l'istruzione, grazie a misure precise e mirate, a basso contenuto tecnologico. La costruzione, contenuta in solo due mesi, ha permesso di realizzare il progetto esclusivamente durante le vacanze scolastiche ed ha confermato la fattibilità di tale approccio.

Il progetto è anche una nuova esperienza per i fruitori dell’edificio perché gli abitanti del campo hanno partecipato attivamente alla costruzione e hanno portato il loro contributo attraverso la manodopera e la proposta di soluzioni innovative.

La trasferibilità è un altro elemento fortemente caratterizzante il progetto nonché uno dei cinque criteri (“target issues”) che definiscono l’edilizia sostenibile secondo Holcim Foundation:

-          Progress - innovazione e trasferibilità

-          People - standard etici ed equità sociale con forte attenzione all’ascolto e alla partecipazione degli stakeholder

-          Planet - qualità ecologica ed uso efficiente delle risorse ponendo l’attenzione ad un uso sensibile delle risorse (materia ed energia)

-          Prosperity – fattibilità economica e compatibilità con i bisogni e con i limiti

-          Proficiency – impatto estetico e sul contesto

 “Il prossimo passo previsto ad Abu Hindi è la costruzione di una biblioteca. Ci stiamo lavorando in modo strutturato perchè grazie agli Holcim Awards abbiamo creduto maggiormente nelle nostre capacità, abbiamo potuto dare una forma giuridica a quella che prima era solo un’attività di volontariato.” ha dichiarato Alessio Battistella durante la presentazione.

Gli Holcim Awards sono una serie di concorsi internazionali finalizzati alla ricerca di visioni e progetti innovativi, concreti e orientati al futuro nel settore dell'edilizia sostenibile.

La prossima edizione aprirà il 1° luglio 2013.

 

Contatti

Simona Cardone
Local Coordinator
 
Holcim (Italia) S.p.A. Via Volta, 1
22046 Merone
Italia
 
Telefono +39 031 616366
 

E-Mail