Condotta del business

Ad integrazione di questo percorso abbiamo poi seguito le indicazioni della Casa Madre, veicolando il Mission Statement e il Codice di Condotta di Holcim, la nostra Politica Ambientale e la nostra Politica di Sicurezza e Salute nei Luoghi di Lavoro.
Nel 2003 Holcim ha definito linee guida per la Concorrenza Leale, mentre nel 2004 ha redatto un Codice di Condotta di Gruppo (Code of Conduct), come parte integrante del proprio Mission Statement. Il Codice in questione definisce il "come" intendiamo realizzare missione e obiettivi e, allo stesso tempo, fornisce indirizzi e chiarimenti sulla condotta da mantenere in ogni circostanza. Ad esso siamo tenuti ad attenerci, in ogni realtà di Holcim, nella consapevolezza che etica e integrità personale costituiscono i pilastri della nostra reputazione come Gruppo. In esso si trovano riferimenti anche a principi di concorrenza leale, di prevenzione di furti e corruzione, di gestione di pressioni politiche, di Insider Trading e di conflitto di interessi dalla normale gestione e di tutela della privacy.
In Italia il Codice di Condotta è stato tradotto e consegnato a tutti i dipendenti e ad ogni neoassunto.
È consultabile nel nostro sito Internet www.holcim.it sezione Chi siamo. Il mancato rispetto del Codice di Condotta può portare a sanzioni disciplinari e concludersi con l'interruzione del rapporto di lavoro. Nel 2003 Holcim ha aderito all'UN Global Compact, impegnando se stessa e le Group Company a rispettare i dieci principi universali nelle aree dei diritti umani, delle condizioni di lavoro, dell'ambiente e della lotta alla corruzione e renderli parte della visione strategica e delle pratiche dell'a zienda.
Come Holcim (Italia) rispettiamo i diritti umani sia in termini di rapporti di lavoro sia in termini di rapporti di fornitura. Tutti i nostri fornitori, anche e soprattutto nel caso di grandi progetti / investimenti importanti, sono tenuti a sottoscrivere Condizioni di Acquisto che prevedono il rispetto dei diritti umani e si ispirano al nostro Codice di Condotta.
Holcim (Italia), ispirandosi ai principi di correttezza e trasparenza che disciplinano il funzionamento delle attività aziendali, ha ritenuto necessario adottare un "modello di organizzazione, gestione e controllo" in linea con il D.Lgs. 231 dell'8 giugno 2001. L'adozione di tale Modello e del Codice Etico, oltre a salvaguardare i principi di una corretta Corporate Governance e coerentemente con i valori etico-sociali cui si ispira, costituisce un ulteriore valido strumento per regolamentare le relazioni di tutti i dipendenti di Holcim Gruppo (Italia) e delle sue controllate con gli stakeholder (Pubblica Amministrazione, Clienti, Fornitori, Partner, ecc.) prevenendo il rischio di commissione dei reati contemplati dal Decreto.
Il Modello Organizzazione, Gestione e Controllo è stato adottato da Holcim (Italia) S.p.A. nel CdA del 11.07.2008 e da Holcim Gruppo (Italia) S.p.A. nel CdA del 27.10.2008. Tutte le società facenti parte del Gruppo Holcim (Italia) hanno anch'esse adottato tale Modello. Nello specifico, i Consigli di Amministrazione hanno adottato il modello nelle seguenti date: Fusine Energia S.r.l. il 04.02.2010, Holcim Aggregati Calcestruzzi S.r.l. il 26.02.2010, Eurofuels S.p.A. il 25.03.2010, Rolcim S.p.A. e Micron Mineral S.p.A. il 26.03.2010.
Unitamente all'adozione del Modello, ogni Consiglio di Amministrazione ha provveduto a nominare un apposito Organismo collegiale connotato da autonomia, professionalità ed indipendenza nell'esercizio delle proprie funzioni: l'Organismo di Vigilanza. Tale Organismo ha il compito di vigilare sull'efficace funzionamento e sull'osservanza delle prescrizioni del Modello, nonché di proporre e promuoverne l'aggiornamento.
Con l'adozione del Modello e la nomina dell'Organismo di Vigilanza le società del Gruppo si impegnano ad osservare compiutamente le prescrizioni di legge, conformandosi ai principi ispiratori del D. Lgs. 231/01, incrementando così il sistema dei controlli tesi a prevenire la commissione dei reati. La formazione sul D. Lgs. 231 e sul nostro modello ha visto coinvolti i Consigli di Amministrazione, i Dirigenti e i Quadri.
Nel triennio 2008-2010 è stata coinvolta una popolazione di 78 dipendenti per un totale di 90 ore.
Gli stakeholder interni ed esterni di Holcim Gruppo (Italia) S.p.A. e delle sue controllate possono segnalare in buona fede e su basi ragionevoli all'Organismo di Vigilanza del Gruppo ogni violazione o sospetto di violazione del Codice Etico qualora coinvolti o informati di fatti di corruzione o di cattiva condotta, consentendone un'efficace eliminazione nonché soprattutto la premessa per un cambio culturale. Nel nostro Gruppo non vi sono stati casi di corruzione né discriminazione.